italiano | english

Wolfsoniana > Razionalismo

Luigi Vietti, Poltrona della Stazione Marittima Andrea Doria, 1933

Razionalismo

Il Palazzo degli Uffici Gualino a Torino del 1928 è uno dei primi esempi di architettura razionalista, progettato da Giuseppe Pagano e Gino Levi Montalcini.

Degli arredi disegnati dai due architetti rimane la poltroncina in buxus, presentata nel 1930 alla IV Esposizione monzese, nella quale l'architettura acquista un proprio spazio accanto alle arti decorative e industriali.

Gabriele Mucchi, Sedia impilabile modello S. 5, 1935

Mentre a Monza si fronteggiano ancora le due tendenze, novecentista e razionalista, con il trasferimento a Milano alla V Triennale del 1933 il razionalismo prende il sopravvento nei diversi padiglioni costruiti nel parco attorno al Palazzo dell'Arte di Giovanni Muzio.

Nell'elemento abitativo a struttura d'acciaio progettato dagli architetti liguri, Luigi Vietti presenta la sua poltrona in legno lamellare curvato, mentre alla VI Triennale nella Mostra dell'abitazione Gabriele Mucchi espone le sue sedute in tubolare metallico; le stesse che Luigi Carlo Daneri utilizzerà per arredare la Colonia Piaggio di Santo Stefano d'Aveto.

Torna a Museo